Urban Theater Company: grande successo alla Sala Chaplin di Catania

IMG 20171013 WA0050Ha riscosso successo l'avventura della Urban Theater Company di Catania. Nuova realtà artistica di Catania, formata da attori professionisti e condotta da Gianluca Barbagallo e Nicola Diodati. Obiettivo del neonato gruppo è quello di ricercare attraverso la realizzazione di testi di teatro contemporaneo, spunti di riflessione e di analisi. Il primo appuntamento previsto nel cartellone é stato Taxi a due piazze, un classico ormai del teatro moderno, che è andato in scena Sabato 14 alle ore 21 e domenica 15 alle ore 19 presso la Sala Chaplin di Catania,in via Raffineria 41. Al fianco di Barbagallo e Diodati anche Marcella Marino, Massimo Procopio, Enzo Grasso, Antonio Spitaleri, Luana Piazza, Majra Marcellino. La regia é affidata allo stesso Barbagallo.

"È senza dubbio una scelta coraggiosa quella di fare impresa oggi con la cultura ed in particolare con il teatro. In un contesto economico depresso e cristallizzato nelle proprie difficoltà. È un epoca che ricorderemo per la chiusura dei teatri. Noi della Urban vogliamo andare in controtendenza, risalire al contrario il fiume in tormenta. Siamo perfettamente consci che troveremo difficoltà, ma abbiamo l'entusiasmo di chi ha voglia di fare un modo nuovo di teatro, tranne il primo sono tutti testi nuovi. È attraverso il linguaggio moderno del teatro contemporaneo che vorremmo intercettare il pubblico dei giovani, parlando il loro linguaggio e trattando i temi a loro cari. IMG 20171013 WA0049Perché l'essenza dell'attore è raccontare storie, ma sarebbe l'ora che il teatro cominciasse a proporre testi nuovi, a costo di rischiare." Così parla Gianluca Barbagallo. "Vogliamo analizzare i vizi e le virtù del genere umano, ponendo quesiti, generando riflessioni. Abbiamo questa come mission e sarà per noi l'imprimit del nostro modo di fare teatro. Ovviamente useremo il bastone e la carota, la riflessione e la ricerca, ma anche l'ironia e il divertimento" conclude Diodati.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information